La Storia Rara di Marco

ยซ๐‘ณ๐’‚ ๐’Ž๐’Š๐’‚ ๐’—๐’Š๐’•๐’‚ ๐’†ฬ€ ๐’‡๐’“๐’‚๐’ˆ๐’Š๐’๐’†, ๐’Ž๐’‚ ๐’”๐’๐’๐’ ๐’–๐’ ๐’”๐’–๐’‘๐’†๐’“๐’†๐’“๐’๐’†. ๐˜๐˜ญ ๐˜ฑ๐˜ช๐˜ค๐˜ค๐˜ฐ๐˜ญ๐˜ฐ ๐˜ฆ๐˜ณ๐˜ฐ๐˜ฆ ๐˜ค๐˜ฉ๐˜ฆ ๐˜คโ€™๐˜ฆ๐˜ณ๐˜ข ๐˜ช๐˜ฏ ๐˜ฎ๐˜ฆ, ๐˜ฆ ๐˜ค๐˜ฉ๐˜ฆ ๐˜ฆ๐˜ด๐˜ช๐˜ด๐˜ต๐˜ฆ ๐˜ช๐˜ฏ ๐˜ต๐˜ถ๐˜ต๐˜ต๐˜ช ๐˜ช ๐˜ฃ๐˜ข๐˜ฎ๐˜ฃ๐˜ช๐˜ฏ๐˜ช ๐˜ค๐˜ฉ๐˜ฆ ๐˜ฅ๐˜ฆ๐˜ท๐˜ฐ๐˜ฏ๐˜ฐ ๐˜ข๐˜ง๐˜ง๐˜ณ๐˜ฐ๐˜ฏ๐˜ต๐˜ข๐˜ณ๐˜ฆ ๐˜ถ๐˜ฏ๐˜ข ๐˜ฎ๐˜ข๐˜ญ๐˜ข๐˜ต๐˜ต๐˜ช๐˜ข, ๐˜ฉ๐˜ข ๐˜ด๐˜ฆ๐˜ฎ๐˜ฑ๐˜ณ๐˜ฆ ๐˜ญ๐˜ฐ๐˜ต๐˜ต๐˜ข๐˜ต๐˜ฐ ๐˜ฑ๐˜ฆ๐˜ณ ๐˜ช๐˜ญ ๐˜ด๐˜ถ๐˜ฐ ๐˜ด๐˜ฐ๐˜จ๐˜ฏ๐˜ฐยป.
โ„นMarco soffre dalla nascita di una malattia rara, a cui si sono aggiunti ๐˜ญโ€™๐˜ข๐˜ณ๐˜ต๐˜ณ๐˜ช๐˜ต๐˜ฆ ๐˜ณ๐˜ฆ๐˜ถ๐˜ฎ๐˜ข๐˜ต๐˜ฐ๐˜ช๐˜ฅ๐˜ฆ ๐˜ฆ ๐˜ช๐˜ญ ๐˜ฅ๐˜ช๐˜ข๐˜ฃ๐˜ฆ๐˜ต๐˜ฆ.
ยซSono cresciuto in un letto di ospedale, con una matita in mano, (quella semi morbida)โ€ฆe ho imparato a disegnare! Perchรฉ cosรฌ potevo essere lโ€™Uomo Ragno! Quando disegno mi trasformo. Disegnare mi aiuta a trasferirmi fuori dal posto in cui mi trovo e a catapultarmi nella dimensione del soggetto che sto disegnando.
๐Ÿฆธโ™‚๏ธDisegnare mi ha sempre aiutato a vivere piรน vite, a essere in piรน posti, e diventare piรน persone. ๐‘ณ๐’‚ ๐’Ž๐’‚๐’•๐’Š๐’•๐’‚ ๐’† ๐’Š ๐’„๐’๐’๐’๐’“๐’Š ๐’Ž๐’Š ๐’‰๐’‚๐’๐’๐’ ๐’”๐’†๐’Ž๐’‘๐’“๐’† ๐’‚๐’Š๐’–๐’•๐’‚๐’•๐’ ๐’‚ ๐’”๐’–๐’‘๐’†๐’“๐’‚๐’“๐’† ๐’๐’ˆ๐’๐’Š ๐’Ž๐’๐’Ž๐’†๐’๐’•๐’ ๐’…๐’๐’๐’๐’“๐’๐’”๐’ ๐’„๐’‰๐’† ๐’‰๐’ ๐’—๐’Š๐’”๐’”๐’–๐’•๐’. ๐‘บ๐’๐’๐’ ๐’”๐’•๐’‚๐’•๐’Š ๐’Š๐’ ๐’Ž๐’Š๐’ โ€œ๐’„๐’๐’”๐’•๐’–๐’Ž๐’†โ€ ๐’…๐’‚ ๐’”๐’–๐’‘๐’†๐’“๐’†๐’“๐’๐’†ยป.
ยซSono cresciuto in un letto di ospedale – continua Marco -. Da quando sono nato, i reparti sono stati la mia seconda casa. Cโ€™รจ una dottoressa, in particolare, che si รจ presa cura di me. Che mi ha accudito come un figlio. Che ha gioito per i miei successi e ha sofferto quando vedeva che per me, stare al mondo, era sempre un poโ€™ piรน complicato che per un bambino della mia etร .
๐Ÿ‘ซAvevo 2 mesi quando mi visitรฒ per la prima volta, al Bambin Gesรน. di Roma Oggi ho 30 anni. E lei si prende ancora cura di meยป.
A 2 mesi di vita Marco riceve la diagnosi di ittiosi eritrodermia lamellare. I problemi di salute segneranno pesantemente tutta la sua vita. A 1 anno viene sottoposto a un intervento agli occhi per ulcera corneale. A 5 anni Marco รจ ricoverato in ospedale per due anni consecutivi. A 6 subisce unโ€™operazione al polpaccio sinistro per infezione da stafilococco. A 6 anni e mezzo arriva una nuova diagnosi: artrite reumatoide sistemica.
Sei mesi dopo Marco si rompe un femore. A 14 anni si presenta un altro nemico da combattere: il diabete di tipo 2. Ma Marco รจ un ยซsupereroeยป, non si dร  per vinto.
ยซDa 0 ai 28 anni ho dormito in piรน letti di ospedale che in case di vacanza. Ho fatto piรน chilometri per raggiungere una struttura ospedaliera che per raggiungere qualche meta esotica con i miei amici. Ho conosciuto quasi piรน medici che persone. Ho sentito piรน spesso il dolore che la mia fidanzata al telefono.
โœNonostante la grande tempesta, il piccolo eroe che cโ€™era in me, e che esiste in tutti i bambini che devono affrontare una malattia, ha sempre lottato per il suo grande sogno: ๐—ฑ๐—ถ๐˜ƒ๐—ฒ๐—ป๐˜๐—ฎ๐—ฟ๐—ฒ ๐˜‚๐—ป ๐—ณ๐˜‚๐—บ๐—ฒ๐˜๐˜๐—ถ๐˜€๐˜๐—ฎ.
๐‘ฐ ๐’Ž๐’๐’”๐’•๐’“๐’Š ๐’…๐’‚ ๐’„๐’๐’Ž๐’ƒ๐’‚๐’•๐’•๐’†๐’“๐’† ๐’†๐’“๐’‚๐’๐’ ๐’•๐’‚๐’๐’•๐’Š, ๐’† ๐’Š๐’ ๐’Ž๐’๐’๐’…๐’ ๐’†๐’”๐’•๐’†๐’“๐’๐’ ๐’๐’๐’ ๐’†ฬ€ ๐’”๐’•๐’‚๐’•๐’ ๐’”๐’†๐’Ž๐’‘๐’“๐’† ๐’…๐’๐’๐’„๐’†. ๐‘จ๐’๐’›๐’Š, ๐’Ž๐’Š ๐’‰๐’‚ ๐’‡๐’‚๐’•๐’•๐’ ๐’Ž๐’‚๐’๐’†. ๐‘ท๐’†๐’“๐’ฬ€ ๐’‚๐’—๐’†๐’—๐’ ๐’๐’‚ ๐’Ž๐’Š๐’‚ ๐’Ž๐’‚๐’•๐’Š๐’•๐’‚ (๐’๐’‚ 2๐‘ฉ, ๐’’๐’–๐’†๐’๐’๐’‚ ๐’”๐’†๐’Ž๐’Š ๐’Ž๐’๐’“๐’ƒ๐’Š๐’…๐’‚) ๐’† ๐’Š ๐’Ž๐’Š๐’†๐’Š ๐’„๐’๐’๐’๐’“๐’Š, ๐’„๐’‰๐’† ๐’Ž๐’Š ๐’‰๐’‚๐’๐’๐’ ๐’‚๐’Š๐’–๐’•๐’‚๐’•๐’ ๐’‚ ๐’—๐’Š๐’๐’„๐’†๐’“๐’† ๐’๐’ˆ๐’๐’Š ๐’‘๐’Š๐’„๐’„๐’๐’๐’‚ ๐’ƒ๐’‚๐’•๐’•๐’‚๐’ˆ๐’๐’Š๐’‚.
๐ŸŽจPrima i pennarelli da bambino, con la punta grossa, con i quali ho pitturato i muri di casa, quando avevo due anni. Poi le pareti si sono trasformate in carta. In fogli, in blocchi, poi in album, e i pennarelli sono diventati professionaliยป.
ยซCi sono mattine in cui mi sento in forma, altri giorni nei quali non riesco ad alzarmi dal letto – ammette Marco -. Sveglia, colazione, insulina, passeggiata, disegni, pranzo, insulina, disegni, merenda, insulina, disegni, cena, insulina, disegni, letto.
๐Ÿ‘จ๐ŸŽจ๐‘ณ๐’‚ ๐’Ž๐’Š๐’‚ ๐’—๐’Š๐’•๐’‚ ๐’†ฬ€ ๐’’๐’–๐’†๐’๐’๐’ ๐’„๐’‰๐’† ๐’‚๐’„๐’„๐’‚๐’…๐’† ๐’•๐’“๐’‚ ๐’–๐’ ๐’‘๐’‚๐’”๐’•๐’ ๐’”๐’†๐’๐’›๐’‚ ๐’›๐’–๐’„๐’„๐’‰๐’†๐’“๐’ ๐’† ๐’–๐’ ๐’…๐’Š๐’”๐’†๐’ˆ๐’๐’. ๐‘ป๐’“๐’‚ ๐’โ€™๐’Š๐’๐’”๐’–๐’๐’Š๐’๐’‚ ๐’† ๐’–๐’ ๐’”๐’๐’ˆ๐’ˆ๐’†๐’•๐’•๐’ ๐’„๐’‰๐’† ๐’Ž๐’Š ๐’Š๐’”๐’‘๐’Š๐’“๐’‚: ๐’–๐’ ๐’‘๐’‚๐’†๐’”๐’‚๐’ˆ๐’ˆ๐’Š๐’, ๐’–๐’ ๐’—๐’๐’๐’•๐’, ๐’–๐’ ๐’‘๐’†๐’“๐’”๐’๐’๐’‚๐’ˆ๐’ˆ๐’Š๐’. ๐‘ฐ๐’ ๐’๐’† ๐’„๐’๐’”๐’† ๐’ƒ๐’†๐’๐’๐’† ๐’”๐’ ๐’‡๐’†๐’“๐’Ž๐’‚๐’“๐’๐’† ๐’„๐’๐’”๐’Šฬ€: ๐’…๐’Š๐’”๐’†๐’ˆ๐’๐’‚๐’๐’…๐’๐’๐’†.
I miei soggetti preferiti sono sempre stati i personaggi dei fumetti. Per questo, dopo il liceo artistico, sono andato a Roma a studiare nella scuola internazionale di Comics.
๐ผ๐‘™ ๐‘š๐‘–๐‘œ ๐‘š๐‘–๐‘”๐‘™๐‘–๐‘œ๐‘Ÿ๐‘’ ๐‘Ž๐‘š๐‘–๐‘๐‘œ ๐‘€๐‘Ž๐‘ก๐‘ก๐‘–๐‘Ž, ๐‘โ„Ž๐‘’ ๐‘Ž๐‘‘๐‘’๐‘ ๐‘ ๐‘œ ๐‘›๐‘œ๐‘› ๐‘โ€™๐‘’ฬ€ ๐‘๐‘–๐‘ขฬ€, ๐‘ ๐‘Ž๐‘Ÿ๐‘’๐‘๐‘๐‘’ ๐‘“๐‘–๐‘’๐‘Ÿ๐‘œ ๐‘‘๐‘– ๐‘ ๐‘Ž๐‘๐‘’๐‘Ÿ๐‘’ ๐‘โ„Ž๐‘’ ๐‘œ๐‘”๐‘”๐‘– ๐‘™๐‘Ž ๐‘๐‘Ž๐‘ ๐‘ ๐‘–๐‘œ๐‘›๐‘’ ๐‘โ„Ž๐‘’ ๐‘๐‘– ๐‘ข๐‘›๐‘–๐‘ฃ๐‘Ž, ๐‘’ ๐‘–๐‘› ๐‘ž๐‘ข๐‘Ž๐‘™๐‘โ„Ž๐‘’ ๐‘š๐‘œ๐‘‘๐‘œ ๐‘๐‘– โ„Ž๐‘Ž ๐‘ ๐‘Ž๐‘™๐‘ฃ๐‘Ž๐‘ก๐‘–, ๐‘’ฬ€ ๐‘๐‘’๐‘Ÿ ๐‘š๐‘’ ๐‘‘๐‘–๐‘ฃ๐‘’๐‘›๐‘ก๐‘Ž๐‘ก๐‘Ž ๐‘Ž๐‘›๐‘โ„Ž๐‘’ ๐‘ข๐‘› ๐‘™๐‘Ž๐‘ฃ๐‘œ๐‘Ÿ๐‘œ.
Entrambi disegnavamo per diventare qualcun altro. Io sono stato piรน volte lโ€™Uomo Ragno, il mio eroe preferito. E lui diventava il suo, di eroe. Con Mattia avevo inventato e disegnato un fumetto, Capitan Folletto.
๐‘ฐ๐’ ๐’Ž๐’Š๐’ ๐’…๐’๐’—๐’†๐’“๐’†, ๐’๐’†๐’Š ๐’”๐’–๐’๐’Š ๐’„๐’๐’๐’‡๐’“๐’๐’๐’•๐’Š, ๐’†ฬ€ ๐’’๐’–๐’†๐’๐’๐’ ๐’…๐’Š ๐’“๐’Š๐’–๐’”๐’„๐’Š๐’“๐’† ๐’‚ ๐’‘๐’–๐’ƒ๐’ƒ๐’๐’Š๐’„๐’‚๐’“๐’๐’, ๐’‘๐’“๐’Š๐’Ž๐’‚ ๐’ ๐’‘๐’๐’Šยป.
“La Storia Rara di Marco ci insegna quanto sia bello e fondamentale pensare di potercela fare, nonostante le piรน grandi e spesso oscure battaglie da affrontare nella vita.
Ci conferma che la costruzione e la realizzazione di un sogno sono spesso la miccia del cambiamento, un cambiamento interiore, una vera e propria metamorfosi verso il meglio di noi stessi”.
Mettersi nella condizione di muoversi verso un obiettivo e realizzare un sogno, il proprio sogno, non solo ci consente di immaginare e sognare con esso e attraverso di esso, ma ci permette di liberare il nostro vero essere e le nostre piรน profonde emozioni.
๐—จ๐—ป ๐˜€๐—ผ๐—ด๐—ป๐—ผ ๐—ฝ๐˜‚๐—ผฬ€ ๐˜€๐—ฝ๐—ฒ๐˜€๐˜€๐—ผ ๐˜€๐—ฎ๐—น๐˜ƒ๐—ฎ๐—ฟ๐—ฐ๐—ถ!!! ๐—˜ ๐—ฎ๐—ป๐—ฐ๐—ต๐—ฒ ๐—ป๐—ฒ๐—น๐—น๐—ฎ ๐—ฐ๐—ผ๐—ป๐—ฑ๐—ถ๐˜‡๐—ถ๐—ผ๐—ป๐—ฒ ๐—ฑ๐—ถ๐—ณ๐—ณ๐—ถ๐—ฐ๐—ถ๐—น๐—ฒ ๐—ฑ๐—ถ ๐˜‚๐—ป๐—ฎ ๐—บ๐—ฎ๐—น๐—ฎ๐˜๐˜๐—ถ๐—ฎ ๐—ฟ๐—ฎ๐—ฟ๐—ฎ ๐—ฒฬ€ ๐—ฝ๐—ผ๐˜€๐˜€๐—ถ๐—ฏ๐—ถ๐—น๐—ฒ ๐—ฐ๐—ผ๐—ป๐˜๐—ถ๐—ป๐˜‚๐—ฎ๐—ฟ๐—ฒ ๐—ฎ ๐˜€๐—ผ๐—ด๐—ป๐—ฎ๐—ฟ๐—ฒ ๐—ฒ ๐—บ๐—ฎ๐—ป๐˜๐—ฒ๐—ป๐—ฒ๐—ฟ๐—ฒ ๐—ฎ๐—ฐ๐—ฐ๐—ฒ๐˜€๐—ฎ ๐—ฒ ๐—ณ๐—ผ๐—ฟ๐˜๐—ฒ ๐—น๐—ฎ ๐—ณ๐—ถ๐—ฎ๐—บ๐—บ๐—ฎ ๐—ฑ๐—ฒ๐—น๐—น๐—ฎ ๐˜€๐—ฝ๐—ฒ๐—ฟ๐—ฎ๐—ป๐˜‡๐—ฎ!


Vi abbiamo presentato: ๐—Ÿ๐—” ๐—ฆ๐—ง๐—ข๐—ฅ๐—œ๐—” ๐—ฅ๐—”๐—ฅ๐—” ๐——๐—œ ๐— ๐—”๐—ฅ๐—–๐—ข
(Questa storia potete trovarla anche sul โ€œCorriere della Seraโ€ al link: https://www.corriere.it/salute/malattie-rare/cards/desiderio-realizzato-marco-la-mia-vita-fragile-ma-adesso-sono-fumettista/vivere-piu-vite.shtml )
๐Ÿ‘จ๐Ÿ‘ฉ๐Ÿ‘ฆ๐Ÿ‘ฆ๐€.๐Œ.๐Ž.๐”.๐‘. ๐Ž๐ง๐ฅ๐ฎ๐ฌ!!!
Rari Si, Soli No!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarร  pubblicato.